La Costruzione di uno Scenario di Guerra

di D.Parducci
 
La vicenda di Parigi, con tutta la sua tragicità, necessita di essere letta con tutta una serie di elementi per riuscire a guardarla all’interno dei suoi reali contorni:
 
– Il terrorismo è un fenomeno determinato dagli attuali assetti di potere, chiunque dica/prometta di eliminarlo attraverso delle azioni (soprattutto legate alla privazione delle libertà) dichiara una cosa non vera, o meglio dice di poter fare una cosa irrealizzabile. Per privare tutti delle proprie libertà.
– Le forze dell’Isis numericamente non sono così alte da essere “un problema” per gli eserciti occidentali. Decidere di lasciare soli i kurdi ed effettuare sporadici bombardamenti, permette all’Occidente di non sconfiggere Isis perchè fa gli interessi economici di molti paesi occidentali salvando le apparenze.
– Azioni come quella di Parigi servono a dare un indirizzo agli accordi diplomatici in costruzione sulla cosiddetta lotta all’Isis.
– Il fatto che persone che in Europa ci vivono da tempo, o che vi sono nate, decidano di arruolarsi tra le fila dell’Isis, non è sintomo di un’offensiva islamista alla cultura liberale occidentale, ma sintomo di un fortissimo malessere e dell’esclusione di cui sono vittime una percentuale enorme degli abitanti delle periferie del mondo occidentale, di cui i migranti sono la netta maggioranza, soprattutto in un paese coloniale come la Francia.
– I paesi occidentali sono in stato di guerra.