di Gennaro Avallone con la musica di Marco Colonna

 

 

Omaggio a Ismaël Aït Djafer

(poeta e intellettuale algerino)

Ricetta del ragù

 

 

– 500gr circa di macinato misto (vitello, manzo, maiale)

finissimo

quello buono

servito nel polistirolo

ricoperto di igienica pellicola

– due passate di pomodoro

quello fresco:

lo dice l’etichetta

 

– un pizzico di sale (q.b.)

quanto basta

 

– foglie di basilico (a.p.)

a piacimento

ben avvolto nella pellicola

a foglie larghe

– una cipolla bianca

grande quanto basta

– due carote

– sedano

– un pizzico di sale

– vino bianco

per cucinare?

Sì, grazie

ed allora quello che costa poco va benissimo

– olio extravergine di oliva.

Tutto buono.

Fare soffriggere

ciò che deve soffriggere

e poi unire gli altri ingredienti

ore di cottura?

Ore

Calare la pasta

quella buona

minuti di cottura: lo dice l’etichetta

è pronto

il ragù metropolitano

scavi dell’immaginario (metropolitano)

il segreto di un buon ragù sta nel soffritto”

“semplice ma curato con tanto amore” “la pasta, la scelta dei rigatoni mette tutti d’accordo” “è così buono il sugo che si infila anche nella pasta” “buono! Come quello della nonna” “tenerissimo e dolcissimo” “come quello di una volta: Ottimo!” “ma come l’hai fatto? Sembra quello che mangiavo da piccola” “carote e sedano non si sentono proprio: così piace anche ai bambini” “ma dove l’hai preso il macinato? È così tenero” “che buono: anche per le lasagne” “e col pane poi, quello fresco di Ferragosto” “trituririssimo tutte le verdure così che figlia ( e marito ) non abbiano da lamentarsi delle cose colorate che sanno di verde in mezzo al ragù” (questo copiato da Internet – non ho resistito, scusate!!)*

Brave gente

pasciuta

piena di soldi

In tutti i modi e in tutti i tempi

Per le vostre generosità di tacchini pavoneggianti

E la vostra piccineria

Di passanti con la bisaccia gonfia e chiusa col lucchetto di

Canapa

Sporco

Degli arpagoni iscritti all’albo

Vi maledico

Iene e sciacalli per questo giorno lindo

In mezzo a giorni e giorni

Sozzi.

Ragù metropolitano:

quattro euro a cassone un’ora di lavoro

se

veloce

un cassone 300 chili 300 chili 150 bottiglie

un cassone 150 bottiglie

una bottiglia di passata 60 centesimi

150 bottiglie 100 euro

un cassone 4 euro

un cassone 100 euro

un cassone incubo/realtà

5 euro di macinato:

una gamba in un

capannone recintato

5 euro macinato recintato

5 euro

olio quanto basta:

calli raccolta unghie

4 euro

4

5

recintato

100 EUR o €

*Senza voce

Senza rabbia

Senza perché?

Senza come?

Senza gridare “Ehi, che scandalo”

Senza alzarsi

Per legittima difesa

Dinanzi all’aggressione del pane che cuoce…

…per gli altri

Per chi non ne ha BISOGNO….

E i figli di Carlo Magno

Diventati grandi e belli e forti

Stavolta fischiano tra i denti

La canzone che si impara a scuola

«Un macchabée c’est bien triste…

Deux macchabées c’est bien plus triste encore»

BUON APPETITO

*: di Ismaël Aït Djafer

(compianto dei mendicanti arabi della Casba

e della piccola Yasmina uccisa dal padre)